Largo ai giovani italiani – Ieri e Oggi

Largo ai giovani, per giunta italiani. Di sicuro è questa una delle note liete del calcio post coronavirus. Un po’ c’era da aspettarselo: con tante partite in pochi giorni, gli allenatori avrebbero fatto ricorso ai ragazzi delle giovanili per far fiatare qualche titolare. Ma anche per mettere in bella mostra qualche nuovo talento. Soprattutto per quelle squadre che, praticamente già dalla ripresa, non avevano più nulla da chiedere al campionato.

Del ko della Juventus a Cagliari c’è poco da dire. Ininfluente lo sarebbe stata con qualsiasi risultato e la sconfitta alla Sardegna Arena non è stata peggio di altre viste in questo pazzo periodo. Vedi il black out contro il Milan o quella di Udine arrivata per troppa voglia di vincere. Contro la squadra di Zenga, i bianconeri hanno palesato i soliti limiti difensivi, ma hanno trovato in Cragno un baluardo insuperabile. In una serata in cui c’era Buffon in campo e lo stesso Zenga in panchina, per il numero 1 rossoblu è stata una partita da incorniciare.

Preoccupazioni per Lione? Non ci voleva la gara di Cagliari per farle uscire. La Juve dell’ultimo mese è in difficoltà dal punto di vista fisico, così come lo sono praticamente tutte le altre. Per questo, rimontare e superare la squadra di Rudi Garcia, proietterebbe Ronaldo e compagni in una competizione nuova in cui nessuno può ritenersi favorito. E quando può succedere di tutto, esserci è quanto mai importante.

La prima pagina di Tuttosport vista durante la puntata di Ieri e Oggi del 30 luglio 2020, in cui si è si è parlato del ko della Juventus a Cagliari ma anche del fatto che è il momento del largo ai giovani

Largo ai giovani, si diceva. In Sardegna, Sarri ne ha mandati in campo 3. Muratore fin dall’inizio, Zanimacchia e Olivieri a partita in corso e tutti si sono messi in luce per la grande personalità. Sono finiti i tempi dei ragazzini che entrano e si accontentano del passaggino facile per non sbagliare. Gente che ha il coraggio di provarci da 25 metri fa solo bene al calcio!

A Cagliari, alla fine le luci della ribalta se le è prese Luca Gagliano, baby centravanti sardo, capace di segnare a Buffon il suo primo gol in Serie A (una di quelle cose che uscirà in ogni intervista da qui a 20 anni!) e di servire l’assist per il 2-0 di Simeone. Proprio mentre nel Sassuolo è di nuovo andato a segno Raspadori. E vi ricordate Cangiano? Con quanta personalità entrò in campo in Bologna-Juventus?

Visto che ragazzi come Chiesa e Zaniolo sono già da considerarsi veterani, il futuro del calcio azzurro potrebbe non essere così male.

Intanto, sempre per la serie largo ai giovani, uno che da giovane è partito dalla Juventus sta continuando a stupire: Ciro Immobile ha vinto il duello con Cristiano Ronaldo. La classifica marcatori è sua ed è più che mai in lizza per la Scarpa d’Oro.

Tanti giovani, tante belle storie da raccontare. Tanto materiale per le future puntate di Gioventù Bianconera.

La prima pagina del Corriere dello Sport vista durante la puntata di Ieri e Oggi del 39 luglio 2020, in cui si è si è parlato del ko della Juventus a Cagliari ma anche del fatto che è il momento del largo ai giovani

Ecco il video completo della trasmissione, nella diretta Facebook di Radio Bianconera

Di seguito il link per ascoltare il podcast della puntata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *