Gioventù Bianconera – Nicola Petrilli

Nicola Petrilli è Il protagonista della 19a puntata di Gioventù Bianconera.

Ni

Nicola Petrilli fa parte di quel cospicuo numero di ragazzi nati a Torino che hanno trascorso tutta la trafila nel Settore Giovanile della Juventus. Un’esperienza iniziata nel 1993 e finita nel 2005, dopo la conquista dello Scudetto nella categoria Berretti.

Nicola Petrilli protagonista della puntata di Gioventù Bianconera

Classe 1987, Petrilli ha fatto parte di uno dei gruppi più forti di sempre usciti dal vivaio bianconero, Quello che, tanto per citarne alcuni, ha sfornato: Sebastian Giovinco, Davide Lanzafame, Riccardo Maniero, Dario Venitucci, Raffaele Bianco, André Cuneaz, Andrea Pisani, Alessandro Bettega, Luca Lagnese, Matteo Trini.

La squadra Berretti

Molti di questi ragazzi partiti dalla Scuola Calcio, quindi facendo di fatto tutto il percorso fino al salto tra i professionisti. Nicola Petrilli è tra questi, entrato nei ranghi bianconeri fin dall’età di 6 anni

Nicola in un'immagine da bambino Petrilli da ragazzino

Tra i tanti con cui ha trascorso gli anni in bianconero, Nicola ha creato un rapporto speciale con Sebastian Giovinco. Un rapporto che dura nonostante gli anni passati e i km che li dividono

Nicola Petrilli e Sebastian Giovinco

A unire ancora di più i ragazzi bianconeri dell’87, una serie di disgrazie che si sono portati via prematuramente alcuni ragazzi cresciuti insieme a loro. Come Alessio Troia e Francesco Gesualdi, morti in 2 incidenti nell’arco di appena 3 mesi. O Beppe Rizza, che ha lasciato tutti lo scorso 6 luglio e già ricordato in altre puntate di Gioventù Bianconera.

Un'immagine di Giuseppe Rizza, scomparso prematuramente. Giandonato lo ha ricordato durante la sua intervista

L’esperienza di Petrilli nel Settore Giovanile si è fermata a un passo dall’approdo in Primavera. Ma chiudenda alla grande con lo Scudetto Berretti vinto con la squadra guidata da Maurizio Schincaglia

La Berretti Campione d'Italia

Prima di lascia i bianconeri, Nicola ha avuto la possibilità di allenarsi spesso con la Prima Squadra, allora guidata da Fabio Capello. L’opportunità di conoscere campioni come Del Piero e Buffon. Ma anche Ibrahimovic, a cui è legato un ricordo particolare, raccontato durante l’intervista. Dopo una parentesi in D a Orbassano, Petrilli è andato in prestito al Crotone e nel 2006 si è trovato proprio la Juve come avversaria.

La maglia di Petrilli indossata per la gara tra Crotone e Juventus de 2006

L’esperienza in Calabria è quella che ha segnato maggiormente la carriera di Petrilli. Che si è preso la soddisfazione di segnare il suo primo gol in Serie B proprio a Torino, contro i granata, sotto la curva Filadelfia.

Il gol contro il Toro

A 33 anni, Nicola è ancora nel pieno della sua carriera. Dopo aver girato mezza Italia, oggi disputa il campionato di Serie D con la maglia del Campodarsego, formazione di Padova. In bocca al lupo a Petrilli, grazie per la disponibilità e per le fotografie pubblicate in questo articolo.

Ni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *