Gioventù Bianconera – Antonio Nocerino

Antonio Nocerino è Il protagonista della 12a puntata di Gioventù Bianconera.

Antonio Nocerino protagonista della puntata di Gioventù Bianconera

All’inizio del 2020, Antonio Nocerino ha annunciato il ritiro da calciatore, chiudendo un carriera di tutto rispetto. Fatta di 12 stagioni in Serie A, presenze in Champions League e in Nazionale. Una carriera inizia di fatto alla Juventus, nel Settore Giovanile, dove è arrivato da Napoli nel 1999.

Un'immagine di Antonio Nocerino ai tempi del Settore Giovanile della Juventus

Antonio fa parte di quella nutrita schiera di ragazzi campani sbarcati a Torino a partire dalla metà degli anni ’90. Tra questi anche Pietro Famiano, protagonista della puntata numero 8 di Gioventù Bianconera. La sua avventura inizia nel 1999 quando, a 14 anni (lui classe 1985) entra nei Giovanissimi Nazionali allenati da Domenico Maggiora, il tecnico che – stando alle parole di Nocerino – lo ha fatto crescere di più. Sia dal punto di vista calcistico che umano

Una delle tante gare giovanili giocate da Antonio durante gli anni nel vivaio bianconero

Negli anni di Torino, ha spesso l’opportunità di allenarsi con la Prima Squadra, guidata in quegli anni prima da Carlo Ancelotti e poi da Marcello Lippi. Una Juve infarcita di campioni. Tra questi Pippo Inzaghi che Antonio ritroverà poi come compagno ai tempi della sua esperienza al Milan.

Un giovanissimo Nocerino posa con Pippo Inzaghi negli spogliatoi del Comunale

Già da ragazzo, Nocerino si distingue per la sua grinta e per la sua fame di sfondare nel calcio. Una fame che lo spinge ad accettare di lasciare il vivaio alle soglie della Primavera per accettare l’offerta dell’Avellino di Zdenek Zeman e cimentarsi subito con i professionisti. A 17 anni affronta, da protagonista il suo primo campionato di Serie B.

Duello con Marcelo Salas nella sfida in famiglia di Villar Perosa

Grinta, fame e anche importanti doti tecniche apprese negli anni del Settore Giovanile bianconero permettono ad Antonio di affermarsi in ogni piazza dove va a giocare: a partire Avellino fino all’esperienza a Piacenza. Con gli emiliani affronta la Juventus nel 2006/07 in B e la stagione successiva, con i bianconeri di nuovo nella massima serie, viene richiamato alla base.

Duello Nocerino-Kakà ai tempi di Milan-Juventus

Conquista subito la fiducia di Claudio Ranieri e scala le gerarchie, mettendosi alle spalle gente più esperta come Tiago e Almiron. In una squadra ricca di grandi campioni – Del Piero, Buffon, Nedved, Trezeguet, Camoranesi, Iaquinta – fa la sua parte meritandosi tanti elogi dalla critica e dai tifosi.

Nel suo anno in Serie A con la Juve, Nocerino gioca alla pari con i grandi campioni di quella squadra

Una grande stagione che non gli vale la riconferma. La Juventus acquista Amauri dal Palermo e lo inserisce nella trattativa. In rosanero ritrova Mattia Cassani, altro ragazzo del Combi. Un momento che, come ha confessato a Gioventù Bianconera, ha segnato molto Nocerino che sperava di poter fare lo stesso percorso riuscito a Claudio Marchisio. Da avversario si prende qualche rivincita. Aiuta i rosanero a battere più volte i bianconeri. E, dopo l’approdo al Milan, contende lo Scudetto alla Juventus di Antonio Conte realizzando anche un gol a San Siro nello scontro diretto. Uno dei tanti di quella stagione che, a fianco di Zlatan Ibrahimovic, resta una delle migliori di sempre. Sempre in maglia rossonera conosce anche Kakà e grazie a lui scatta l’avventura con gli Orlando City nella MLS statunitense.

Antonio Nocerino con la maglia degli Orlando City in MSL

In Florida, Antonio Nocerino chiude di fatto la sua carriera da calciatore (a parte una breve parentesi a Benevento). E in Florida inizia la nuova carriera da allenatore. Sempre ad Orlando, guidando gli Under 15 del club e trasferendo ai ragazzi quelle conoscenze apprese durante i suoi anni nel Settore Giovanile della Juventus.

Grazie mille per la chiacchierata, Antonio. E in bocca al lupo per la nuova avventura in panchina!

Qui di seguito la puntata del podcast. Buon ascolto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *